Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Senza categoria’ Category

 

96793283_703250710448462_4538129029831589888_n

 

C’erano una volta, tanto tempo fa, due regni rivali. Uno si chiamava Avere, dove solo le acquisizioni e le perdite avevano valore, e l’altro si chiamava Essere, dove tutto veniva visto come esperienza. Nel regno di Avere i suoi abitanti avevano sviluppato una forte volontà ma anche coraggio e determinazione che si manifestava nel bisogno di possedere e conquistare. Nel regno di Essere avevano sviluppato consapevolezza dell’interconnessione di tutte le creature e lo chiamavano Amore. I due regni erano rivali da lungo tempo e si combattevano a vicenda. Un giorno il principe ereditario di Avere si perse nella foresta e vago’ per giorni e giorni. La sua forza, il suo coraggio e volontà non furono di aiuto nel trovare la via d’uscita dal fitto bosco. Nel suo vagare venne soccorso da una bellissima fanciulla, principessa di Essere. La fanciulla se ne prese cura per giorni e giorni, curandogli le ferite e nutrendolo e insegnando al principe a muoversi nei regni della natura. Il principe cominciò a guardare con occhi nuovi il bosco e la vita che custodiva. Tra i due giovani ben presto sboccio’ l’amore. Un’amore potente ed appassionato. In molti tra gli abitanti dei due regni rivali osteggiavano questo amore. Ma dalla loro parte avevano alcuni valenti e coraggiosi aiutanti che volevano unire e portare finalmente la pace nei due regni proteggendo l’unione dei due amanti, portatori e custodi della Volontà di Bene in divenire sulla terra.

Simonetta Marenzi

Per approfondire questa storia e i suoi appassionanti risvolti vi aspettiamo alla conferenza zoom di giovedì 21 maggio alle 18.30. Iscrizione via mail psicosintesivr@gmail.com

#impresamoderna
#psicosintesi #coaching #counseling
#souleconomy #economyoga
#sviluppo #sviluppoevolutivo
#develop
#denaro #abbondanza
#selfleadership

Read Full Post »

Prossimo evento

conferenza le vie del blu-p1

Read Full Post »

 

cropped-rete5.jpg

Ciascun essere umano è in sé un micro sistema economico con bisogni e risorse,  ed spinto all’azione da pensieri e desideri, consapevoli o meno. All’inizio del percorso evolutivo questo micro sistema economico risponde a principi istintuali ma man mano che l’individuo evolve la modalità istintuale cede il passo ed il sistema diviene responsivo ad una maggiore consapevolezza, presa di coscienza e responsabilità. Questo perché  ogni micro sistema (l’Essere Umano) è inserito in una rete che lo collega ad altri micro sistemi con cui entra il relazione, e talvolta anche in conflitto. Ogni “passaggio evolutivo” avviene attraverso una serie di situazioni definite di “crisi” che determinano al contempo una situazione di pericolo ma anche una opportunità di crescita ed evoluzione. Lo stesso principio riguarda anche le imprese in genere e l’economia globale.   Per questo motivo è importante che  l’approccio nella consulenza aziendale sia sistemico e includa non solo fasi di consulenza ma anche fasi di counseling, che viene attuato in base agli strumenti del counseling ad approccio olistico, con strumenti e modalità che possano favorire il superamento delle situazioni di crisi.

 

 

Read Full Post »

yoga 3          Pratico da molti anni lo yoga e da questa disciplina ho avuto tanti benefici. La parola Yoga significa “unione e completezza”. A questa unione e completezza si perviene nel superamento di  quei conflitti che possono manifestarsi in vario modo, sia a livello interiore che fisico. Ogni corpo -struttura, micro (l’individuo) macro (un sistema economico o sociale) è una struttura complessa ed ha pertanto una sua economia (attività di scambio, produzione  e distribuzione) i cui elementi costitutivi possono essere in contrasto tra loro generando difficoltà più o meno intense. Attraverso pratiche fisiche e respiratorie  si mira a ridare equilibrio ad un sistema che  non più efficace e funzionale.  Negli anni ho appreso ha riconoscere, ad applicare e a trasmettere questi principi, in modo idoneo ai contesti organizzativi di diversa tipologia  a vantaggio della vita d’impresa, quale organismo vivente complesso e gruppale. I seminari e le consulenze pertanto sono esperienziali e mai standardizzati perché ogni sistema economico è unico ed in costante movimento.

Per  consulenze in merito contattarmi tramite mail: simonetta.marenzi@libero.it

Read Full Post »

Conferenze

2017-03-27 10.43.17

Read Full Post »

Il VI convegno nazionale Siaf, che si terrà a Genova il 12 dicembre, ha per tema centrale l’Etica.

Tra i vari interventi segnaliamo:Animare eticamente l’economia: oltre ai fraintendimenti e pregiudizi

a cura di Simonetta Marenzi, counselor aziendale e sociale  e Viviana Sossi, counselor psicospirituale Per informazioni e visione dell’intero programma http://www.convegnosiaf.it

Read Full Post »

Una via possibile

cover

Proposte per un’economia olistica e sostenibile.

Un testo per comprendere le cause della crisi economica ed umana dei tempi recenti e di come possiamo correggere l’errore e creare un’economia rispettosa della vita e della dignità umana e al contempo generatrice di benessere economico e sociale. Per farlo è necessario comprendere la relazione esistente tra le sfere principali della vita umana, l’educazione, l’economia e la politica e diventare consapevoli della direzione da seguire per realizzare, con lungimiranza, la piena realizzazione come essere umani . Potete acquistare l’ebook al seguente link: http://www.area51editore.com/negozio/una-via-possibile

Read Full Post »

Il counselor è un professionista, di cui alla legge 4 del 14/1/2013, che fornisce sostegno ed orientamento a singoli individui o a gruppi, favorendo lo sviluppo e l’utilizzazione delle potenzialità e risorse presenti nel cliente, o nella struttura nel caso delle aziende, per far fronte alle situazioni di disagio e conflittualità che incontra nel quotidiano. Guida il cliente ad approfondire la conoscenza delle proprie risorse e capacità per migliorare l’espressione di sé nella propria vita di relazione e lavorativa. Gli ambiti di applicazione possono essere molteplici ma in particolare si evidenzia:

 

– counseling individuale, su tematiche esistenziali e relazionali;
– counseling individuale su tematiche lavorative;
– di coppia e familiare;
– counseling aziendale.

Counseling aziendale.

Ogni azienda è una entità complessa e mutevole formata da risorse strumentali e finanziarie, ma soprattutto da persone, che cooperano per il raggiungimento di obiettivi economici. Ogni impresa, prima o poi si trova dinnanzi a momenti di crisi e difficoltà, che si generano sia internamente alla struttura che esternamente, e che ne mettono in pericolo la sopravvivenza o ne ostacolano il successo. Come counselor aziendale il mio intervento è volto a favorire la gestione efficace delle conflittualità lavorative interne e con gli stakeholders,  il processo di cambiamento e rinnovamento nella gestione aziendale, quando queste risultano oramai inadeguate, il potenziamento e l’utilizzo delle capacità ed intelligenze della natura umana utilizzando tecniche e strumenti diversi volti a superare gli ostacoli che impediscono il successo ed il benessere dell’azienda e delle persone che vi lavorano. Le modalità del mio intervento prevedono:

1)  la formazione, dedicata ai lavoratori e a chi si occupa di gestire il personale su temi legati a:comunicazione assertiva,  stili manageriali, cause e gestione di conflitti in azienda, creare sinergia d’impresa, favorire le capacità di leadership e problem solving;

2) come facilitatore per migliorare la gestione organizzativa ed il clima interno e per favorire il processo di cambiamento che l’azienda si trova ad affrontare in diversi momenti della sua esistenza

3) con incontri individuali di counseling relazionale  con imprenditori, manager e lavoratori su temi personali- familiari  e lavorativi quali: pensionamento, cambio ruolo, maternità, stress da lavoro e altro ancora pertinente a temi di vita in cui si riscontrano problemi;

4) con incontri individuali di counseling aziendale con manager o con l’imprenditore e/o soci su temi legati a orientamenti strategici, controllo di gestione, problem solving e decision making, negoziazione su temi diversi: fattibilità d’investimenti, difficoltà finanziarie, trattative con istituti di credito su finanziamenti in conto capitale e su crediti e acquisti, e su tematiche relative a cessione d’azienda, passaggi generazionali, fusioni, scissioni quando esistono perplessità sulla riuscita del progetto, sulla scelta dei partners, o su altre decisioni che andrebbero a modificare gli equilibri interni.

Ogni intervento è ideato in base alle specifiche esigenze aziendali, previo colloquio conoscitivo, e può prevedere la partecipazione e collaborazione di formatori diversi in modo da fornire consulenza ad ampio raggio.

Read Full Post »

Chi si rivolge ad un counselor aziendale lo può fare sia per problemi di natura gestionale che di natura organizzativa e relazionale. Un imprenditore, ad esempio, vantava un credito importante verso un cliente abituale e questo naturalmente influiva non solo nella gestione di cassa ma anche nella relazione lavorativa tra questi due partner commerciali. Il mancato pagamento era legato sia ad esigenze finanziarie del cliente ma anche da una dinamica relazionale impostata in modo errato. Per cui, per risolvere il problema abbiamo lavorato su entrambi i livelli, modificando la dinamica relazionale ed impostando una diversa gestione del credito a vantaggio di entrambe le aziende.

Read Full Post »

Molto spesso le persone non sono interessate a ciò che accade nel mondo dei mercati finanziari perché reputati difficili da comprendere e distanti dalla realtà quotidiana. Si crede erroneamente che tali notizie riguardino investitori, banche e pochi soggetti lontani da noi e dalla nostra vita quanto lo è il pianeta Marte e che, proprio come il pianeta, la finanza eserciti qualche influsso di cui non si conosce ancora la portata. Tuttavia curiosare tra notizie di finanza ed economia può essere molto illuminante. Oggi osserveremo più da vicino cosa sono le “operazioni di vendita allo scoperto” o per dirla in modo complicato le “short selling” e quali conseguenze possono scatenare.  Si tratta di operazioni molto controverse, che consistono in questo:

  • tra gli operatori di borsa iniziano a circolare notizie pessimistiche su una determinata azienda. La domanda che si pongono è: “Come posso lucrare sulla malasorte altrui?” . Risposta. “dovrei vendere questi titoli/azioni il prima possibile. Peccato che non li possegga. Ma posso farmeli prestare da qualcuno!!”
  • Gli operatori di borsa si rivolgono quindi a chi possiede in abbondanza tali titoli e glieli chiede in prestito, dietro pagamento di un compenso per l’affitto a breve termine. Più è lungo il contratto di affitto più interessi pagano.
  • A questo punto i titoli, ottenuti in prestito, vengono piazzati sul mercato e venduti a terzi incassando il relativo corrispettivo. Se le cose procedono come da previsione, queste vendite consistenti esercitano una influenza al ribasso per cui altri cominceranno a vendere facendo diminuire ancora il valore del titolo dell’azienda, ignara di essere sotto “bombardamento”.
  • Quando il valore è ribassato in modo adeguato l’operatore di borsa riacquista i titoli,da restituire al leggitimo proprietario, ad un prezzo più basso rispetto alla vendita da lui effettuata poc’anzi; al momento della restituizione paga “il noleggio” e si porta a casa la differenza.

Cosa c’entra tutto questo con i nostri problemi quotidiani? Vi propongo una storia che è solo una metafora, ma aiuterà forse a capire possibili effetti: supponiamo che esista una località che chiamiamo “Beta” e supponiamo che uno di nome Caio creda che a “Beta” le case perderanno valore e voglia guadagnarci qualcosa. Caio sa che Tizio possiede molte case a Beta e le affitta per un certo periodo. Caio mette poi in vendita tutte le case affittate da Tizio e, più o meno velocemente, riesce a venderle incassando  ad esempio 500 mila euro. Questa ondata di vendite fa nascere sospetti, a torto o a ragione, alla gente del luogo ed anche a chi ha appena acquistato casa che, temendo di vedere svalutare la proprietà, cerca di vendere a sua volta e velocemente, a costo di  ribassare il prezzo. A questo punto Caio riacquista ad un prezzo più basso, diciamo 300 mila euro, le stesse case da lui vendute poco prima e le restituisce a Tizio, saldando l’affitto di 50 mila euro e tenendo per lui il resto: 150 mila euro.

Qual’è il succo della storia? Che qualcuno ha venduto qualcosa che non possedeva (e forse per questo si chiamano vendite allo scoperto) ed è riuscito pure a lucrare sulla vendita. Ma Beta è ora una città semideserta, gli abitanti hanno perso molti denari svendendo le loro case e l’economia locale ha subito un grosso danno. Il denaro di chi aveva comprato casa a Beta, e di chi vi lavorava, è ora in mano a Caio, che se la spassa. Le operazioni allo scoperto non riguardano la compravendita di case ma l’esempio vuole illustrare gli effetti della speculazione. Naturalmente non sempre le cose vanno così; a volte questi speculatori sbagliano le previsioni. Accadde nel 2008 e l’azienda bersaglio fu la Wolkswagen ma, per sua fortuna, chi aveva acquistato il titolo dai trader se lo tenne stretto con il risultato che in una settimana il valore delle azioni aumentò di molto e chi voleva speculare si ritrovò a perdere molto denaro per riacquistare a caro prezzo le azioni da restituire al legittimo proprietario. In Italia questo tipo di operazioni ha subito degli stop nei momenti di maggiore crisi e delle ripartenze nei momenti di lieve ripresa. Il 1 novembre entra in vigore il Regolamento EU NR 236/2012 del 14 marzo 2012 che non vieta tali operazioni ma cercherà di regolamentarle a livello europeo onde evitare discrepanze tra i diversi Paesi. Che dire… tutte le volte che non ci interessiamo ad alcuni aspetti e fatti che influenzano il nostro quotidiano deleghiamo questo potere ad altri. Conoscenza e consapevolezza possono restituirci la voce per chiedere giusta tutela a chi ci rappresenta.

Simonetta Marenzi

Counselor aziendale e sociale

Read Full Post »