Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘problemi organizzativi e gestionali’

 

cropped-rete5.jpg

Ciascun essere umano è in sé un micro sistema economico con bisogni e risorse,  ed spinto all’azione da pensieri e desideri, consapevoli o meno. All’inizio del percorso evolutivo questo micro sistema economico risponde a principi istintuali ma man mano che l’individuo evolve la modalità istintuale cede il passo ed il sistema diviene responsivo ad una maggiore consapevolezza, presa di coscienza e responsabilità. Questo perché  ogni micro sistema (l’Essere Umano) è inserito in una rete che lo collega ad altri micro sistemi con cui entra il relazione, e talvolta anche in conflitto. Ogni “passaggio evolutivo” avviene attraverso una serie di situazioni definite di “crisi” che determinano al contempo una situazione di pericolo ma anche una opportunità di crescita ed evoluzione. Lo stesso principio riguarda anche le imprese in genere e l’economia globale.   Per questo motivo è importante che  l’approccio nella consulenza aziendale sia sistemico e includa non solo fasi di consulenza ma anche fasi di counseling, che viene attuato in base agli strumenti del counseling ad approccio olistico, con strumenti e modalità che possano favorire il superamento delle situazioni di crisi.

 

 

Annunci

Read Full Post »

Mi capita spesso di occuparmi di problemi relativi alle relazioni tra dipendenti che svolgono ruoli diversi e con ordine gerarchico diverso. Il caso di cui parleremo oggi è quello in cui accade  che, al fianco di un organigramma formale, ne esiste uno reale diverso. In questo caso esistono delle relazioni trasversali, sul piano concreto, non previste e contemplate sulla carta. Questa situazione, in azienda, genera caos in termini organizzativi e gestionali ed occorre operare affinché venga ripristinato un giusto ordine. Se portare a galla queste dinamiche è piuttosto facile, non  sempre lo è l’intervento di modifica perché possono incontrare la connivenza inconsapevole di una parte dello staff interno. Un esempio:

Un dipendente ha la responsabilità di gestire l’attività di alcuni collaboratori ma, nello svolgimento del suo incarico può incontrare l’ostilità o il mancato riconoscimento effettivo di sottoposti e/o superiori (talvolta anche per motivi soggettivi che esulano l’ambito lavorativo -antipatie). Il soggetto, nel tempo, può correre il rischio di sperimentare un accrescimento di disistima, frustrazione, rabbia, senso di impotenza, mancanza di interesse verso il lavoro che possono strutturarsi in disagi più o meno intensi. Per contro il suo ruolo (che di fatto) rimane vacante e viene svolto indirettamente ed in modo non esplicito da uno o più soggetti di livello gerarchico diverso o paritario. E’ pertanto evidente che questo crea confusione nell’organizzazione interna e nelle relazioni con gli stakeholders. Portare alla luce questa dinamiche  può incontrare l’ostilità di chi occultamente occupa il “ruolo-vacante”  e teme di perdere potere e pertanto l’intervento correttivo più appropriato va effettuato con attenzione valutandone tempi e modi onde evitare bruschi contraccolpi interni, ma va a vantaggio della gestione d’impresa perché favorisce chiarezza interna, efficacia lavorativa e migliora quindi le potenzialità economiche dell’impresa in questione.

Read Full Post »